Navigazione contenuti

Contenuti del sito

COVID: CRISI NERA PER LE BIRRE ARTIGIANALI

Immagine dell'articolo

Le birre artigianali vanno in emergenza, causa sopratutto la crisi di tutto il settore Ho.re.ca che risente moltissimo delle restrizioni e delle limitazioni in vigore.
 
Il rischio è quello di una mattanza: si richia veramente di uccidere le birre artigianali e i loro produttori.
 
Il crollo del fatturato sarebbe stato, secondo le stime Cia, del 90%. Un volume vasto, risultato della chiusura di pub, ristoranti e del blocco di fiere ed eventi.
 
Sono 900 i microbirrifici che rischano, in un comparto che da solo vale il 4% del mercato nazionale. 

Sono circa 7mila gli addetti impegnati nel settore, per una produzione media di 500mila ettolitri ed un fatturando superiore ai 250 milioni annui.
 
"La birra artigianale e agricola è una nicchia del mercato ma è in continua evoluzione e negli ultimi anni ha conquistato il gusto dei giovani - si legge in una nota Cia -: il 60% dei millennial italiani è un conoscitore attento delle varie tipologie di birra, da quelle delle bottiglie da collezione, alle profumate e variopinte. La birra artigianale è anche entrata recentemente nel paniere Istat, a testimonianza del suo successo crescente nelle famiglie italiane".

19/11/2020

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

03 DIC 2020

COMMISSIONE BILANCIO NO ALLA PATRIMONIALE DI FRATOIANNI

Fratoianni e Orfini presenteranno immediatamente ricorso

03 DIC 2020

FINGET CUBE, L'ANTISTRESS DEL SECOLO

Una giovane statup parte da 15 mila dollari e raccoglie quasi 6 milioni di dollari per il suo progetto

03 DIC 2020

ENERGIA: RIMBORSARE LE IMPRESE!

Le Associazioni a sostegno del recupero dei crediti da parte delle imprese sui fornitori

03 DIC 2020

AGRICOLTURA, SONO 200MILA LE DONNE IN CAMPO

Contributo fondamentale durante la pandemia

02 DIC 2020

RISTORI QUATER: BOLLINATO E FIRMATO DAL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Il decreto è in attesa di essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

02 DIC 2020

CARNE SUINA: LA VIA D'USCITA E' QUELLA DELLA SETA

La Cia invita a valutare l'export in Oriente