Navigazione contenuti

Contenuti del sito

LOTTERIA DEGLI SCONTRINI, SERVE RINVIO

Immagine dell'articolo

C'è bisogno, e non occorre girarci troppo intorno, di un nuovo rinvio per la lotteria degli scontrini.

Perché? Come ribadito da Confcommercio, al momento non vi sono le condizioni idonee affinché questa iniziativa vada a buon fine. 

"Il rinvio previsto per la lotteria degli scontrini è insufficiente in quanto, ad oggi, un'ampia platea di operatori economici - anche a causa delle restrizioni e delle chiusure imposte dall’emergenza sanitaria in corso - non ha potuto procedere all'aggiornamento dei registratori telematici per consentire la partecipazione dei consumatori alla nuova lotteria". A sottolinearlo è stato il Enrico Postacchini incaricato Commercio e Città di Confcommercio, nel corso dell'audizione alla Camera su DL Milleproroghe.

Postacchini pratica prudenza: serve il passo sicuro della tartaruga. "Occorre, dunque, un ulteriore rinvio secondo la tempistica tecnicamente necessaria per l'adeguamento del parco registratori. Infatti una partenza così parziale della lotteria genererebbe rilevanti disservizi e disagi - tanto per i consumatori quanto per gli operatori commerciali - e distorsioni della concorrenza che andrebbero a colpire, soprattutto, le imprese di minori dimensioni".

22/01/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

06 MAR 2021

LE ATTENZIONI PER GLI AGENTI DI COMMERCIO

La Fondazione Enasarco offre agevolazioni per gli agenti di commercio

06 MAR 2021

CONFTURISMO:NEL 2021 ANCORA MENO VACANZE

L’incertezza provocata dalla grave crisi pandemica mette un freno alle vacanze degli italiani.

05 MAR 2021

_BONUS AI LAVORATORI

L’azienda premia i suoi dipendenti per l’impegno svolto

05 MAR 2021

PREMIATE LE IDEE PER L'ECONOMIA SOSTENIBILE

Il concorso Call for Entrepreneurship , premiati i progetti utili a sostenere "Be Tomorrow-Leonardo 2030"

05 MAR 2021

REGIONE LAZIO: UN PIANO A SOSTEGNO DEL LAVORO

Messi in campo oltre 200 milioni di euro

05 MAR 2021

IL COVID CREA NUOVI POVERI

I dati odierni sono i peggiori dalla crisi del 2008