Navigazione contenuti

Contenuti del sito

AGRICOLTURA HIGH TECH, IL GOVERNO ACCELERI!

Immagine dell'articolo

Usare il credito di importa per incentivare gli investimenti high tech nell'agricoltura.
 
Da qui per avere gli sgravi previsti per le ristrutturazioni domestiche.
 
Le indicazioni che la Cia-Agricoltori italiani ha mosso al Governo sono chiare.
 
La manovra di bilancio deve essere integrata!

"La misura favorirebbe, inoltre, il rinnovo del parco macchine agricole con mezzi più moderni, tecnologici e a bassa emissione CO2, in linea con le sfide ambientali europee del Green Deal", spèiega in una nota la Cia. 

"Il giro d'affari dell’agricoltura 4.0 in Italia ha toccato quota 450 milioni di euro con una crescita del 22% su base annua (Osservatorio Smart Agrifood) - precisa Cia - e comprende tutto il complesso di tecnologie usate dalle nostre aziende per migliorare le rese e la sostenibilità delle coltivazioni, la qualità dei prodotti finali e le condizioni dei lavoratori".

“Per continuare a produrre cibo fresco e sano, gli agricoltori dovranno puntare sempre più all'integrazione con l’hi-tech –chiosa Scanavino-, utilizzando tutte le risorse messe in campo dalla scienza per affrontare con strumenti efficaci le conseguenze del climate change e del dilagare delle fitopatie. In un momento segnato da una grave crisi di liquidità per le aziende, la cessione del credito d'imposta favorirebbe, dunque, lo sviluppo economico dell'intera filiera agroalimentare, in un'ottica di rilancio del Paese”.

 

25/09/2020

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

30 OTT 2020

PROLUNGATO IL BLOCCO LICENZIAMENTI

VERRA’ PROLUNGATO IL BLOCCO DEI LICENZIAMENTI

30 OTT 2020

GBC ITALIA: ECCO I NUOVI VERTICI

Si è tenuto l'incontro per l'elezione delle più alte cariche aziendali

29 OTT 2020

I SALARI DELLE MAMME SONO INFERIORI RISPETTO ALLE DONNE SENZA PROLE.

Il calo delle nascite continua a toccare i minimi storici dalla nascita dell’unità d’Italia.

30 OTT 2020

DL RISTORI: NECESSARIO ESTENDERLO ANCHE AGLI AGENTI

In una nota della Fiarc la richiesta al Governo

30 OTT 2020

PENSIONI DA FAME. E' ALLARME DEL CODACONS

I dati Inps preoccupano

28 OTT 2020

È STATO APPROVATO IL NUOVO DECRETO RISTORI.

Boccata di respiro per tutte le categorie penalizzate dal Dpcm del 25 ottobre.