Navigazione contenuti

Contenuti del sito

PENSIONI AGRICOLE? LE PIU' BASSE

Immagine dell'articolo

Secondo il patronato di Cia Agricoltori italiani, le pensioni del comparto sono basse. 
 
Dopo 40 anni di lavoro, la maggior parte degli impiegati nel settore percepisce un assegno minimo di 513 euro, ritenuto troppo basso.
 
"Chiediamo al Governo che nella prossima legge di Bilancio le pensioni basse siano riparametrate, rispettando le indicazioni della Carta sociale europea, che stabilisce in 650 euro mensili l’importo da corrispondere per garantire una vecchiaia decorosa a tutti i cittadini italiani". Questa la richiesta di Inac-Cia.

"Per rendere il nostro settore attrattivo per i giovani - ha poi evidenziato il presidente nazionale di Cia-Agricoltori italiani, Dino Scanavino - serve anche garantire loro una prospettiva di lungo respiro. Sapere che oggi chi ha fatto l’agricoltore vive, da anziano, in condizioni di difficoltà è un pessimo spot per il comparto, altamente disincentivante per nuovi ingressi. E’ necessario elaborare proposte normative in materia pensionistica che tengano conto della sostenibilità".

17/10/2019

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

13 NOV 2019

NISSAN SPINGE RENAULT

Secondo trimestre da capogiro

13 NOV 2019

NORWEGIAN, DUE NUOVE ROTTE DA ROMA

Voli per il Colorado e l'Illinois

12 NOV 2019

LAVORO: DOMANDA IN CALO

Il bollettino Excelsior disegna un quadro negativo

12 NOV 2019

CIA, BENE LA MANOVRA PER IL COMPARTO AGRICOLO MA...

Plauso degli Agricoltori italiani alla Legge di bilancio ma ci sono alcune perplessità

11 NOV 2019

13 NOVEMBRE: CONVEGNO SULLE AREE RURALI

Caf-Cia con un ventaglio di proposte a politica e pubblica amministrazione

11 NOV 2019

CALA LA FIDUCIA NELLE IMPRESE

Le imprese investiranno sull'export ma molte temono il 2020