Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

INVESTIMENTI DEBOLI: CONFINDUSTRIA ESORTA AD ACCELERARE SULL'ATTUAZIONE DEL PNRR

Immagine dell'articolo

Confindustria, attraverso il suo centro studi, lancia un grido d'allarme sull'attuale andamento degli investimenti in Italia, definendo la situazione attuale come una "dinamica bloccata" che richiede un'immediata accelerazione nell'attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr).

Gli economisti di via dell'Astronomia evidenziano un calo degli investimenti fissi nel 2023, con una diminuzione dello 0,2% nel terzo trimestre rispetto ai positivi ritmi registrati nei due anni precedenti. Questo rallentamento coinvolge diversi settori, dalle costruzioni alle macchine e attrezzature, segnalando un quadro poco confortante per l'economia italiana.

Tuttavia, non tutto è perduto. Confindustria auspica un timido recupero degli investimenti nel corso del 2024, soprattutto grazie al miglioramento delle condizioni di credito e all'effettiva attuazione del Pnrr. Quest'ultimo, se adeguatamente implementato, potrebbe essere il motore per una ripresa economica più robusta, sia nel breve che nel lungo periodo.

Inoltre, i recenti indicatori sembrano delineare una stabilizzazione degli investimenti, segnalando un'attenuazione della tensione sui prestiti alle imprese italiane. Sebbene il costo del credito rimanga superiore rispetto ad altri paesi europei, l'attesa di una riduzione dei tassi da parte della Banca Centrale Europea potrebbe incoraggiare una maggiore propensione agli investimenti nella seconda metà del 2024.

Ma il vero punto di svolta potrebbe arrivare dall'attuazione piena e tempestiva del Pnrr. Sebbene finora siano stati spesi solo una frazione delle risorse disponibili, il periodo 2024-2026 si preannuncia cruciale, con una spesa prevista di oltre 42 miliardi di euro solo per il prossimo anno. Se gestito con efficacia, il Pnrr potrebbe diventare un volano per la crescita economica, con il potenziale di rilanciare gli investimenti e stimolare l'occupazione.

In conclusione, è urgente che le istituzioni accelerino l'attuazione del Pnrr, rendendo le risorse disponibili e accessibili alle imprese in tempi rapidi. Solo così l'Italia potrà invertire la tendenza attuale e avviarsi verso una traiettoria di crescita sostenibile e resiliente.

17/02/2024

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

19 APR 2024

SUPERBONUS E TRANSIZIONE 4.0

Una Sfida Economica per l'Italia

19 APR 2024

CONGEDO PARENTALE PAGATO

Le Nuove Normative Introdotte dall'INPS

18 APR 2024

LA CORSA ALL'AI: L'ITALIA ALLA RICERCA DI ESPERTI

Bando Aperto fino al 31 Maggio

18 APR 2024

IL FUTURO DEL MERCATO UNICO EUROPEO: ENRICO LETTA PROPONE UNA "CASSETTA DEGLI ATTREZZI"

Nel secondo giorno dei lavori del Consiglio dell'Unione Europea a Bruxelles

17 APR 2024

FERRARI: RECORD DI SUCCESSI E NUOVE PROSPETTIVE

Il Marchio Ferrari ha confermato per il 2023 il suo status di icona nel mondo dell'automobilismo e del lusso

17 APR 2024

ANTITRUST: RESTITUITI 122 MILIONI A 600MILA CONSUMATORI

Favorire uno sviluppo economico basato sulla competitività e sull'equità