Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

PRODUZIONE INDUSTRIALE ITALIANA IN CALO DEL 2,5% NEL 2023

Immagine dell'articolo

Il 2023 si è rivelato un anno di sfide per l'industria italiana, con la produzione industriale del paese registrata in calo del 2,5% rispetto all'anno precedente. Nonostante un modesto recupero a dicembre, l'andamento complessivo dell'anno è stato caratterizzato da una tendenza al ribasso, come riportato dall'Istituto Nazionale di Statistica (Istat).

Secondo i dati pubblicati dall'Istat, le flessioni più significative si sono verificate in settori chiave, tra cui la fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche, la fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria, e la fabbricazione di macchinari e attrezzature. Questi settori hanno registrato diminuzioni particolarmente ampie, evidenziando le sfide strutturali che l'industria italiana sta affrontando.

Analizzando i numeri più recenti, si nota un aumento del 1,1% nell'indice destagionalizzato della produzione industriale a dicembre rispetto al mese precedente. Tuttavia, nel quarto trimestre si è verificata una flessione dello 0,5% rispetto al trimestre precedente, suggerendo una persistente instabilità nel settore.

L'analisi dei settori specifici rivela una situazione eterogenea. I beni di consumo hanno mostrato un aumento congiunturale del 3,0%, mentre i beni strumentali e i beni intermedi hanno registrato crescite più contenute. Al contrario, il settore dell'energia ha subito una diminuzione del 2,0%, evidenziando una domanda interna indebolita o una riduzione dell'attività industriale.

La variazione tendenziale a dicembre 2023 ha segnato un calo del 2,1%, con aumenti tendenziali limitati solo per i beni strumentali. I beni di consumo e i beni intermedi hanno registrato cali più significativi, insieme al settore dell'energia, che ha visto una diminuzione del 4,4%.

Tuttavia, non tutto è negativo. Alcuni settori hanno mostrato una resilienza notevole, registrando incrementi tendenziali significativi. La fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati ha registrato un aumento del 6,0%, mentre la fabbricazione di apparecchiature elettriche e le industrie alimentari, bevande e tabacco hanno mostrato crescite del 5,5% e del 2,6% rispettivamente.

Il quadro complessivo dipinge una realtà complessa per l'industria italiana, con sfide evidenti ma anche opportunità in alcuni settori. È chiaro che la competitività e l'innovazione rimarranno fattori chiave per stimolare la ripresa e sostenere la crescita economica nel medio e lungo termine.

09/02/2024

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

29 FEB 2024

MANUTENZIONE PREVENTIVA DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INDUSTRIALE: IMPORTANZA E VANTAGGI DEL CONTROLLO REMOTO TECSAVING

MANUTENZIONE PREVENTIVA DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INDUSTRIALE: IMPORTANZA E VANTAGGI DEL CONTROLLO REMOTO TECSAVING

29 FEB 2024

16ESIMA EDIZIONE DEL SALONE DELL'ECOEDILIZIA E DELL'INNOVAZIONE A TUNISI

La Tunisia abbraccia l'Edilizia Eco-sostenibile: Un'opportunità per l'economia e l'ambiente

29 FEB 2024

FERROVIE: UN INVESTIMENTO STRATEGICO PER L'ITALIA CENTRALE

Via libera ai fondi per la ferrovia Roma-Pescara

28 FEB 2024

NUOVE REGOLE UE SULLE INDICAZIONI GEOGRAFICHE

Proteggere l'eccellenza agroalimentare europea

28 FEB 2024

COME RICHIEDERE L’ASSEGNO DI INCLUSIONE? REQUISITI, METODI E PROCEDURE DA SEGUIRE

COME RICHIEDERE L’ASSEGNO DI INCLUSIONE? REQUISITI, METODI E PROCEDURE DA SEGUIRE

27 FEB 2024

IL BOOM DEL BTP VALORE: SOTTOSCRIZIONI RECORD E CORSA AI CONTRATTI

Il mercato dei titoli di stato italiani continua a mostrare una forza impressionante