Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

ISTAT: EXPORT IN CALO A MARZO, -2,3%

Immagine dell'articolo

L’Istat, analizzando i recenti dati diffusi sul commercio estero, dopo la crescita contenuta rilevata nei primi due mesi dell’anno, ha evidenziato una riduzione dell’export nel mese di marzo pari al 2,3%, mentre su base annua, prendendo in riferimento il 2022, è fermo al 4,7%.

A rallentare, per la prima volta da febbraio 2021, è anche l’import, raggiungendo il -9,7%. A determinare la contrazione delle importazioni, il settimo consecutivo, è principalmente il settore dei carburanti, avendo registrato una diminuzione sia dei prezzi dei prodotti energetici che degli acquisti, con “un crollo di circa un terzo del gas naturale proveniente dalla Russia”.

Il surplus della bilancia commerciale, ossia quando gli incassi prodotti dall’export superano la spesa delle merci importate, è determinato dall’interscambio dei prodotti non energetici, pari a poco più di 7,5 mln di euro, risultando il più elevato da luglio 2021, quando superò gli 8 mln di euro. In termini monetari, la crescita dell’export risulta del +3% verso l’area U e del +6,8% verso i mercati extra Ue.

21/05/2023

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

15 LUG 2024

DAL DOLORE ALLA POESIA: "LETTERE INSANGUINATE" DELLA SCRITTRICE RAVEN GRAVES

DAL DOLORE ALLA POESIA: "LETTERE INSANGUINATE" DELLA SCRITTRICE RAVEN GRAVES

14 LUG 2024

LA TASSAZIONE NEGLI STATI UNITI: UNA PANORAMICA

La Tassazione negli Stati Uniti: Una Panoramica

14 LUG 2024

IL MARCHIO DEI WAUNIR: UN VIAGGIO EPICO RACCONTATO DA INES CURZIO

IL MARCHIO DEI WAUNIR: UN VIAGGIO EPICO RACCONTATO DA INES CURZIO

11 LUG 2024

VIA LIBERA DELLA CAMERA AL DECRETO AGRICOLTURA

Legge approvata

10 LUG 2024

VIA LIBERA ALLA FLAT TAX INCREMENTALE

La Commissione Finanze approva correttivi alla delega fiscale