Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

INDUSTRIA, CALO A GIUGNO

Immagine dell'articolo

Calano sia fatturato che ordinativi. 
 
Le stime Istati sull'industria relative al mese di giugno non offrono un quadro positivo dell'attuale situazione.
  
Il Codacons parla di "rimbalzo tecnico". Che sia questo o altro, l'Italia deve fare i conti con numeri negativi per il comparto.
 
“Nonostante le riaperture in tutti i settori e la ripartenza del paese dopo il lockdown, a giugno il fatturato registra un calo del -16,4% rispetto al 2019, mentre gli ordinativi crollano del -11,8% – spiega il presidente dell'Associazione, Carlo Rienzi –. Numeri deludenti e al di sotto alle aspettative, che non possono far cantare vittoria e appaiono estremamente preoccupanti perché, considerato l’andamento deludente dei consumi anche nella fase post-lockdown, dimostrano come  per l’industria italiana la strada per tornare ai livelli pre-Covid sia sempre più in salita”.

28/08/2020

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

20 SET 2021

MONDO DELLA NOTTE: VERSO LA RIAPERTURA?

Sperano discoteche e locali notturni

20 SET 2021

GREEN PASS: ORA IL GOVERNO SOSPENDA RDC E...

La richiesta del Codacons all'esecutivo nazionale

18 SET 2021

CGIA MESTRE: RDC OK PER LA POVERTA’, INEFFICACE PER L’OCCUPAZIONE

L’Associazione di Mestre, evidenzia che il sostegno economico è utile per contrastare la povertà, inefficace per trovare nuovi posti di lavoro.

18 SET 2021

AUMENTO DELL'INFLAZIONE OLTRE IL DUE PER CENTO

Aumento "lieve" dovuto ai rincari dei beni energetici

17 SET 2021

UE: ENTRO FINE ANNO IL PIL TORNERA’ AI LIVELLI PRE-COVID

La ripresa economica, grazie ai vaccini, ha superato le aspettative, risultando decisamente maggiore di quanto previsto a marzo e a giugno.

17 SET 2021

UFFICIALE: GREEN PASS OBBLIGATORIO PER PA E PRIVATO

I lavoratori sprovvisti del certificato verde, saranno sospesi senza ricevere retribuzione, ma non licenziati.