Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

ITALIANI ULTIMI IN ISTRUZIONE

Immagine dell'articolo

Anche quest'anno I nostri ragazzi si confermano tra gli ultimi in Europa per  percentuale di diplomati e laureati. Questo è quanto apparso nel Rapporto dell’Istat sui “Livelli di istruzione e i ritorni occupazionali” da cui emerge che il 62,2% delle persone tra i 25 e i 64 anni nel nostro Paese ha almeno il diploma, a fronte di una media Ue che si attesta al 78,7%, percentuale che sale ancora in alcuni tra i paesi dell’Unione con percentuali quali: 86,6% in Germania, 80,4% in Francia e 81,1% nel Regno Unito. In negativo solamente Spagna, Malta e Portogallo, che al momento presentano valori inferiori ai nostri.

Deboli quindi le prospettive per i nostri giovani, sempre in relazione ai valori medi europei: la quota degli occupati tra i 30-34enni laureati e' del 78,9% contro un valore medio europeo dell’87,7.

 

21/08/2020

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

20 SET 2021

MONDO DELLA NOTTE: VERSO LA RIAPERTURA?

Sperano discoteche e locali notturni

20 SET 2021

GREEN PASS: ORA IL GOVERNO SOSPENDA RDC E...

La richiesta del Codacons all'esecutivo nazionale

18 SET 2021

CGIA MESTRE: RDC OK PER LA POVERTA’, INEFFICACE PER L’OCCUPAZIONE

L’Associazione di Mestre, evidenzia che il sostegno economico è utile per contrastare la povertà, inefficace per trovare nuovi posti di lavoro.

18 SET 2021

AUMENTO DELL'INFLAZIONE OLTRE IL DUE PER CENTO

Aumento "lieve" dovuto ai rincari dei beni energetici

17 SET 2021

UE: ENTRO FINE ANNO IL PIL TORNERA’ AI LIVELLI PRE-COVID

La ripresa economica, grazie ai vaccini, ha superato le aspettative, risultando decisamente maggiore di quanto previsto a marzo e a giugno.

17 SET 2021

UFFICIALE: GREEN PASS OBBLIGATORIO PER PA E PRIVATO

I lavoratori sprovvisti del certificato verde, saranno sospesi senza ricevere retribuzione, ma non licenziati.