Navigazione contenuti

Contenuti del sito

AIR ITALY. CODACONS CHIEDE TAVOLO DI CONFRONTO

Immagine dell'articolo

I danni economici al comparto turistico derivanti dalla messa in liquidazione di Air Italy vanno valutati con attenzione, al pari dei disagi creati agli utenti.

Il Codacons ha scritto ai commissari liquidatori della società, Enrico Laghi e Franco Maurizio Lagro, chiedendo l’apertura di un tavolo di conciliazione.
 
Come spiegato dal Presidente dell'ente, Carlo Rienzi, alla notizia del fallimento di Air Italy, "migliaia di viaggiatori hanno disdettato le vacanze prenotate per le prossime settimane in Sardegna".

"Una situazione - prosegue - che produce un danno sia agli utenti, costretti a rinunciare ai viaggi o a subire disagi per riprogrammare le proprie partenze, sia alle aziende del turismo della Sardegna, che registrano un notevole calo di presenze con ripercussioni economiche enormi".
 
Ecco spiegata la ragione per la quale Codacons "ha scritto oggi ai commissari liquidatori, chiedendo di aprire un tavolo di conciliazione volto a valutare la posizione di chi, viaggiatori o imprese, a causa del dissesto della compagnia aerea ha subito gravissimi danni economici, allo scopo di studiare eventuali possibilità di ristoro in loro favore".

18/02/2020

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

31 MAR 2020

CORONAVIRUS. VENETO APPROVA MISURE DI ACCESSO AL CREDITO

Provvedimento riservato alle piccole e medie imprese approvato dalla Giunta

31 MAR 2020

ISTAT, CALA L'INFLAZIONE A MARZO

L'andamento dell'economia risente del calo di alcuni prezzi e della tendenza al risparmio

30 MAR 2020

INTESA SANPAOLO 2 MILIARDI PER LE IMPRESE ASSOCIATE CONFCOMMERCIO

L'obiettivo è quello di garantire alle aziende i pagamenti urgenti

30 MAR 2020

PETROLIO, ATTENTI A SPECULAZIONI SU BENZINA E DIESEL

L'allarme viene lanciato dal Codacons

27 MAR 2020

SELFIEMPLOYMENT IL FINANZIAMENTO PER GIOVANI IMPRENDITORI

Selfiemployement il finanziamento per giovani

27 MAR 2020

FIDI BLOCCATI FINO AL 30 SETTEMBRE

Fidi bloccati al 30 settembre