Navigazione contenuti

Contenuti del sito

RENAULT CREA IL "M.A.I."

Immagine dell'articolo

Avanti con mobilità e partnership strategiche. Questo è l'obiettivo che Renault intende raggiungere con il M.A.I. (Mobility As an Industry), che fotografa l'impegno dell'azienda l'oltralpe negli ultimi quattro anni di attività, volto allo sviluppo di nuovi servizi di mobilità condivisa
 
Il M.A.I. (Mobility As an Industry) è a tutti gli effetti un ramo d’azienda dedicato alle nuove mobilità.

Il suo primo partner sarà la città, presa a modello di esigenze e fruibilità. 
 
"Dopo una fase di 'test and learn', il Gruppo ha conseguito una tappa fondamentale del suo sviluppo. Abbiamo l’ambizione di essere uno dei primi operatori mondiali delle nuove mobilità condivise, accessibili e sostenibili, fedeli al nostro DNA di innovazione tecnologica e di attenzione al consumatore finale. Arnaud Molinié, Direttore Generale di RENAULT M.A.I., avrà la missione di sviluppare gli asset esistenti, accelerare la conquista di nuovi mercati e contribuire alla loro organizzazione attraverso nuove partnership con tutti gli attori privati e pubblici coinvolti in questa nuova rivoluzione industriale". Queste le dichiarazioni di Thierry Bolloré, Direttore Generale del Gruppo Renault e Presidente di RENAULT M.A.I.  

10/10/2019

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

15 OTT 2019

EURISPES: AVANTI L'OSSERVATORIO SUL MEZZOGIORNO

Costituito il Comitato scientifico...

14 OTT 2019

ACCESSO AL CREDITO: ACCORDO TRA MPS E AGRI SERVICE ITALIA

L'iniziativa nell'agroalimentare aiuterà circa un milione di imprese del settore

14 OTT 2019

RENAULT, AL VIA IL CAMBIO DELLA GUARDIA

Il CdA ratifica tre incarichi di prestigio per la Società l'Oltralpe

11 OTT 2019

CODACONS "VS" COOP

Il nuoco spot della Coop finisce nelle mani dell'Antitrust

10 OTT 2019

CNR, IL 15 E 16 OTTOBRE CON BEEP

Meeting dedicato all'efficientamento energetico

10 OTT 2019

RENAULT CREA IL "M.A.I."

Mobilità e fruibilità in un contesto cittadino al centro della progettualità e del futuro di Renault