Navigazione contenuti

Contenuti del sito

BOLLO AUTO NON TUTTI SONO TENUTI A PAGARE

Immagine dell'articolo

Il bollo dell’auto è una tassa automobilistica che, ogni anno, quasi tutti proprietari di una vettura sono obbligati a pagare.

Nel caso di mancato pagamento, la Regione effettuerà un accertamento e invierà un sollecito che se non accolto, porterà al fermo del veicolo ma se fosse pagato in ritardo, ne conseguirebbe semplicemente il pagamento di una mora.

Però ci sono alcuni casi in cui si è esonerati. Per esempio, non sono tenuti a pagare il bollo: i proprietari di auto d’epoca o storiche; coloro che perdono il possesso del veicolo, eventualità che si verifica quando il proprietario, previa comunicazione al PRA, dichiara di non esserne più il detentore come in caso di vendita, regalo, furto, demolizione o di esportazione all’estero.  

Inoltre, sono esonerati a pagare il bollo alcune categorie di invalidi, chi rinuncia ad un’eredità, auto a Gpl ma solamente per i primi cinque anni, veicoli appartenenti alle Onlus. 

Comunque, nel caso in cui il sollecito di pagamento arrivasse dopo il terzo anno in cui la tassa si sarebbe dovuta pagare, la richiesta cade in prescrizione: il che significa che l’automobilista non è più obbligato a estinguere il debito.

 

21/10/2020

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

03 DIC 2020

COMMISSIONE BILANCIO NO ALLA PATRIMONIALE DI FRATOIANNI

Fratoianni e Orfini presenteranno immediatamente ricorso

03 DIC 2020

FINGET CUBE, L'ANTISTRESS DEL SECOLO

Una giovane statup parte da 15 mila dollari e raccoglie quasi 6 milioni di dollari per il suo progetto

03 DIC 2020

ENERGIA: RIMBORSARE LE IMPRESE!

Le Associazioni a sostegno del recupero dei crediti da parte delle imprese sui fornitori

03 DIC 2020

AGRICOLTURA, SONO 200MILA LE DONNE IN CAMPO

Contributo fondamentale durante la pandemia

02 DIC 2020

RISTORI QUATER: BOLLINATO E FIRMATO DAL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Il decreto è in attesa di essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

02 DIC 2020

CARNE SUINA: LA VIA D'USCITA E' QUELLA DELLA SETA

La Cia invita a valutare l'export in Oriente