Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

AMAZON ITALIA: IL PRIMO SCIOPERO DEI DIPENDENTI

Immagine dell'articolo

Filt Cgl, Fit Cisl, Uiltrasporti e Assoespressi, per la prima volta da quanto il colosso americano Amazon, leader nelle vendite online, è presente sul territorio italiano, hanno indetto uno sciopero che ha portato i dipendenti dei vari stabilimenti, ad incrociare le braccia per protestare.

Lo sciopero, comunicato dieci giorni fa è iniziato ieri alle 7 del mattino per 24 ore, ed è stato reso necessario a causa dell’inaspettata sospensione delle trattative tra Amazon e le diverse sigle sindacali, per arrivare all’accordo sul rinnovo del contratto. L’adesione alla protesta è stata circa del 70% dei dipendenti.

Questi, con un appello, hanno invitato i clienti a non acquistare nessun prodotto nelle 24 ore relative allo sciopero, dichiarando: “Per un giorno ci vogliamo fermare, ci dobbiamo fermare. È una questione di rispetto del lavoro, di dignità dei lavoratori e di sicurezza. Per vincere questa battaglia di giustizia e di civiltà, abbiamo bisogno della solidarietà di tutti i clienti di Amazon.”

23/03/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

19 GIU 2021

IL PAGAMENTO DELLE CARTELLE ESATTORIALI SLITTA A SETTEMBRE

Il decreto Sostegni bis aveva stabilito il pagamento delle cartelle per fine giugno. Il governo è al lavoro per un nuovo slittamento, probabilmente verrà fissato per il 1° settembre.

19 GIU 2021

CROLLA LA QUOTAZIONE DELL'ORO

La domanda è stata la più bassa dalla primavera del 2010

18 GIU 2021

AUTO ELETTRICHE: SCONTO SUI PEDAGGI IN AUTOSTRADA

La normativa europea, sulla riduzione dei pedaggi, dovrebbe entrare in vigore entro il 2023. Ma inizialmente riguarderà solo i veicoli pesanti.

18 GIU 2021

CGIL, CISL E UIL IN PIAZZA IL 26 GIUGNO

I tre sindacati tornano in piazza, con tre manifestazioni unitarie, contro lo sblocco dei licenziamenti previsto per il 1° luglio.

18 GIU 2021

AGRICOLTURA, PERICOLO DESERTIFICAZIONE

Il comparto in difesa del suolo

18 GIU 2021

EDILIZIA: ALLARME AUMENTO PREZZI MATERIALI

Faro dell'Antitrust