Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

UE: IL CANCER PLAN LIMITA LA PROMOZIONE DEL VINO E CARNI ROSSE

Immagine dell'articolo

Vino, carni rosse e carni lavorate ancora nel mirino della Commissione Ue, che ha pubblicato ieri il documento per l’accesso ai fondi di promozione orizzontale dei prodotti agricoli europei per un valore complessivo di oltre 176 milioni di euro.

Secondo quanto rileva Unione italiana vini, l’Ue ha inserito tra i criteri per l’accesso ai fondi l’allineamento ad alcuni documenti strategici, come il Farm to Fork e il piano comunitario di lotta anticancro, compreso quello approvato la settimana scorsa dalla Commissione speciale del Parlamento europeo Beca (Beating cancer).

In sintesi, i produttori di vino, di salumi e in generale di carni rosse e lavorate avranno meno chance di essere ammessi alle graduatorie del bando per la promozione in ambito comunitario. Per Unione italiana vini si iniziano a subire gli effetti del Beca, in primis sulle politiche di competenza agricola. La decisione di adottare i criteri del piano anticancro per l’approvazione dei progetti rappresenta un segnale allarmante oltreché giuridicamente non sostenibile. Tra l’altro – secondo l’associazione - sul piano politico alcuni Paesi, e tra questi non c’è l’Italia, si sono astenuti dal voto in quanto hanno espresso dubbi sul fatto che testi non giuridicamente vincolanti come il Farm to Fork e il Beca, non ancora approvato dal Parlamento europeo, entrino a gamba tesa sulle politiche di promozione. Unione italiana vini chiede che nessun prodotto sia escluso dagli aiuti alla promozione e richiama quindi l’attenzione del ministero delle Politiche agricole su questo dossier, che si fonda su un pregiudizio originato da assunti opinabili dal punto di vista scientifico e che rischia ora di provocare un effetto valanga per il vino e per il made in Italy dell’agroalimentare.

Secondo l’associazione europea dei produttori Comité vins (Ceev), pur non eliminando la possibilità di accedere ai fondi, i sub-criteri delineati dalla Commissione europea rappresentano un freno all’ammissione dei progetti relativi ai prodotti vinicoli. Una volta di più sta passando il concetto del vino come prodotto intrinsecamente dannoso, a prescindere dalle modalità di consumo.
 Mariella Belloni
Vicecaporedattore - Marketing Journal

18/12/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

28 MAG 2022

PNRR- ITALIA : ANCORA POCHI OBIETTIVI PER OTTENERE LA SECONDA RATA

Entro giugno, il nostro Paese raggiungerà il target per ottenere i 24 miliardi della seconda rata dei fondi europei.

27 MAG 2022

GEO INNOVATION WOMAN PROGRAM

Geosmartcampus a sostegno delle PMI innovative al femminile

27 MAG 2022

ELON MUSK: ALZA LA QUOTA PERSONALE DI ACQUISIZIONE DI TWITTER

Positiva la reazione dell’aumento ma l‘operazione rischia un ulteriore frenata, per l’azione legale presentata contro Musk.

26 MAG 2022

“NUOVE COMUNITÀ”: PIATTAFORMA PER L'INSERIMENTO LAVORATIVO DI MIGRANTI E RICHIEDENTI ASILO

Uno strumento operativo per condividere le informazioni fra le organizzazioni coinvolte nei processi di inserimento lavorativo e facilitarlo.

26 MAG 2022

DIESELGATE: VOLKSWAGEN CONDANNATA PER 226 MLN DIEURO

Nel Regno Unito, il colosso tedesco dovrà risarcire oltre 90mila automobilisti, per un totale di 193 mln di sterline.

25 MAG 2022

DA DOMANI ATTIVE LE PRENOTAZIONI PER INCENTIVI SUI VEICOLI ECOLOGICI

Dalle 10 sarà attivata la piattaforma su cui i concessionari potranno prenotare gli incentivi.