Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

CARTELLE ESATTORIALI: LA META’ SONO INFERIORI A 300 EURO

Immagine dell'articolo

Lo sblocco del pagamento delle cartelle esattoriali dal 1° settembre, stop stabilito in seguito all’arrivo della pandemia e sospese da marzo 2020, aveva sollevato molte preoccupazioni nei contribuenti.

Seppur venne annunciato che sarebbero state inviate, entro il 31 dicembre, circa 4 mln di cartelle su 20-25 mln ferme, molti cittadini sono ancora in grandi difficoltà, in quanto, la ripartenza economica procede a rilento, e alcuni settori sono tuttora del tutto fermi.

Ma nelle scorse ore, fonti ufficiali hanno reso noto che, le cartelle di pagamento dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione, inviate entro la fine dell’anno, avranno cifre decisamente ridotte, infatti la metà non supereranno i 300 euro. Più precisamente: “Il 10% delle cartelle supera i 5mila euro, il 60% del totale è inferiore a 500€.”

12/09/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

20 SET 2021

BRUNETTA: CONTRATTO DI LAVORO DA REMOTO PRONTOENTRO UN MESE

Il ministro annuncia che entro trenta giorni verrà resa nota la parte normativa, inoltre sarà un pacchetto parallelo a quello del lavoro in presenza.

20 SET 2021

INSURREZIONE PACIFICA DEI LAVORATORI DELLA GKN

Lavoratori , famiglie e tanta gente solidale sfila per le vie di firenze

20 SET 2021

MONDO DELLA NOTTE: VERSO LA RIAPERTURA?

Sperano discoteche e locali notturni

20 SET 2021

GREEN PASS: ORA IL GOVERNO SOSPENDA RDC E...

La richiesta del Codacons all'esecutivo nazionale

18 SET 2021

CGIA MESTRE: RDC OK PER LA POVERTA’, INEFFICACE PER L’OCCUPAZIONE

L’Associazione di Mestre, evidenzia che il sostegno economico è utile per contrastare la povertà, inefficace per trovare nuovi posti di lavoro.

18 SET 2021

AUMENTO DELL'INFLAZIONE OLTRE IL DUE PER CENTO

Aumento "lieve" dovuto ai rincari dei beni energetici