Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

RECOVERY SUD

Immagine dell'articolo

Sale a 104 il numero dei Comuni di Puglia, Calabria, Campania, Sicilia, Basilicata, Molise, Sardegna e Abruzzo che hanno aderito all’iniziativa 'Recovery Sud’ partita dal sindaco di Acquaviva delle Fonti (Bari) Davide Carlucci per creare una rete dei sindaci meridionali per il Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Più che raddoppiate, fino ad oggi, le iniziali cinquanta adesioni, che ora comprendono anche i sindaci dei Comuni capoluogo di Taranto e Matera, il presidente della provincia ionica. Ma l’elenco delle città coinvolte è lungo: si va da Acate (Ragusa) a Villetta Barrea (L'Aquila), da Acquappesa (Cosenza) a Verzino (Crotone), passando per Lampedusa, Caivano, Pisticci, Alberobello, Marcianise e molti comuni molisani.

La richiesta, affidata a una lettera già inviata al presidente del Consiglio Mario Draghi  è una sola: rendeteci protagonisti della gestione del Piano nazionale di ripresa e resilienza perché diventi una reale occasione di crescita per il Mezzogiorno, anche quello più isolato e a rischio di spopolamento.

Si tratta di  una rete spontanea, trasversale e senza finalità politiche ma con l’unico obiettivo di trasformare il Recovery in una reale occasione di riscatto di tutto il Mezzogiorno.

08/03/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

19 GIU 2021

IL PAGAMENTO DELLE CARTELLE ESATTORIALI SLITTA A SETTEMBRE

Il decreto Sostegni bis aveva stabilito il pagamento delle cartelle per fine giugno. Il governo è al lavoro per un nuovo slittamento, probabilmente verrà fissato per il 1° settembre.

19 GIU 2021

CROLLA LA QUOTAZIONE DELL'ORO

La domanda è stata la più bassa dalla primavera del 2010

18 GIU 2021

AUTO ELETTRICHE: SCONTO SUI PEDAGGI IN AUTOSTRADA

La normativa europea, sulla riduzione dei pedaggi, dovrebbe entrare in vigore entro il 2023. Ma inizialmente riguarderà solo i veicoli pesanti.

18 GIU 2021

CGIL, CISL E UIL IN PIAZZA IL 26 GIUGNO

I tre sindacati tornano in piazza, con tre manifestazioni unitarie, contro lo sblocco dei licenziamenti previsto per il 1° luglio.

18 GIU 2021

AGRICOLTURA, PERICOLO DESERTIFICAZIONE

Il comparto in difesa del suolo

18 GIU 2021

EDILIZIA: ALLARME AUMENTO PREZZI MATERIALI

Faro dell'Antitrust