Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

NUOVE REGOLE UE SULLE INDICAZIONI GEOGRAFICHE

Immagine dell'articolo

Il Parlamento europeo ha dato il via libera definitivo alla riforma delle norme dell'Unione Europea che disciplinano la protezione delle indicazioni geografiche (IG) per il vino, le bevande alcoliche e i prodotti agricoli. Questa decisione, accolta con 520 voti favorevoli, rappresenta un importante passo avanti per la tutela dell'agroalimentare europeo e per i suoi produttori.

Il nuovo regolamento, elaborato sotto la guida dell'eurodeputato Paolo de Castro, non solo semplifica il processo di registrazione delle IG, ma introduce anche misure cruciali per contrastare l'uso illegale delle stesse, sia offline che online. Durante i negoziati, è stato sottolineato l'obbligo per le autorità nazionali di adottare azioni amministrative e giudiziarie volte a prevenire o fermare l'abuso delle IG, incluso il loro utilizzo non autorizzato su Internet.

Una delle innovazioni più significative è l'istituzione di un sistema di blocco geografico (geoblocking) per chi fa un uso improprio dei nomi di dominio legati alle IG, un'azione che mira a proteggere il valore e l'autenticità di queste indicazioni. L'Ufficio dell'Unione Europea per la Proprietà Intellettuale (EUIPO) sarà responsabile di gestire questo sistema di allerta.

Inoltre, le nuove norme stabiliscono criteri più chiari per l'utilizzo delle IG come ingredienti nei prodotti trasformati. È necessario che tali ingredienti siano utilizzati in quantità significative per conferire al prodotto trasformato le caratteristiche distintive dell'IG, e deve essere garantito che nessun altro ingrediente simile venga utilizzato nella stessa preparazione. Questo approccio garantisce una maggiore trasparenza per i consumatori e tutela l'autenticità dei prodotti.

Una vittoria importante è anche la maggiore protezione conferita ai produttori di IG contro pratiche commerciali pregiudizievoli. Grazie al nuovo regolamento, essi saranno in grado di contrastare qualsiasi azione che minacci l'immagine e il valore dei loro prodotti, incluso l'abbassamento dei prezzi che potrebbe danneggiare la loro reputazione sul mercato.

Il ministro dell'Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida, ha accolto con favore l'approvazione delle nuove norme, sottolineando l'importanza di proteggere le eccellenze produttive italiane e europee. Questo riconoscimento a livello europeo conferma l'impegno per la difesa della qualità e dell'unicità dei prodotti agroalimentari, un patrimonio da valorizzare e proteggere per il bene dei consumatori e dei produttori stessi.

Con l'entrata in vigore di queste nuove regole, l'Unione Europea rafforza il suo impegno verso la protezione dell'identità e della qualità dei prodotti agroalimentari, promuovendo un settore più sostenibile, autentico e competitivo sul mercato globale.

28/02/2024

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

19 APR 2024

SUPERBONUS E TRANSIZIONE 4.0

Una Sfida Economica per l'Italia

19 APR 2024

CONGEDO PARENTALE PAGATO

Le Nuove Normative Introdotte dall'INPS

18 APR 2024

LA CORSA ALL'AI: L'ITALIA ALLA RICERCA DI ESPERTI

Bando Aperto fino al 31 Maggio

18 APR 2024

IL FUTURO DEL MERCATO UNICO EUROPEO: ENRICO LETTA PROPONE UNA "CASSETTA DEGLI ATTREZZI"

Nel secondo giorno dei lavori del Consiglio dell'Unione Europea a Bruxelles

17 APR 2024

FERRARI: RECORD DI SUCCESSI E NUOVE PROSPETTIVE

Il Marchio Ferrari ha confermato per il 2023 il suo status di icona nel mondo dell'automobilismo e del lusso

17 APR 2024

ANTITRUST: RESTITUITI 122 MILIONI A 600MILA CONSUMATORI

Favorire uno sviluppo economico basato sulla competitività e sull'equità