Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

IL 48% DEGLI ITALIANI NON È IN BUONI RAPPORTI CON I VICINI DI CASA

Immagine dell'articolo

L’Osservatorio Sara Assicurazioni, ha condotto una ricerca sui rapporti di buon vicinato tra coloro che vivono nello stesso condominio. Lo studio, realizzato da Nextplora, ha evidenziato che quasi un italiano su due, il 48%, “ha un atteggiamento di sostanziale freddezza o persino indifferenza verso chi vive alla porta accanto, e non mancano nemmeno i casi di aperta e continua conflittualità”.

Le cause principali che provocano tali ostilità sono da riferirsi: per il 57% agli schiamazzi e ai rumori soprattutto notturni, il 52% al poco rispetto delle regole del condominio, il 29% al mancato pagamento delle spese condominiali, il 20% ai danni e ai piccoli inconvenienti provocati durante i lavori di ristrutturazione o dalla gestione quotidiana della propria abitazione. I dissapori tra condomini portano il 20% degli italiani, a valutare la possibilità di cambiare addirittura appartamento.

La restante percentuale dei cittadini, al contrario, riesce a mantenere rapporti neutrali con i vicini di pianerottolo. Molti pensano che sia utile costruire un buon rapporto: il 46% degli italiani ritengono che i condomini possano sorvegliare la casa nei periodi di lontananza, come per esempio durante le vacanze, per il 24% aver qualcuno con cui si è in buoni rapporti infonde sicurezza, il 23% pensano che i vicini possano esser utili in caso di improvviso bisogno. Nell’eventualità di una discussione, il 53% dei cittadini propende al dialogo, il 21% preferisce lasciar correre, e il 15% chiedono l’aiuto di altri condomini in modo che facciano da mediatori. Solo il 5%, senza ombra di dubbio, sceglie di rivolgersi ad un avvocato.

Molte persone sono favorevoli a stipulare una polizza assicurativa: il 30% per far fronte ai danni procurati dai vicini di casa, il 13% per la copertura per le spese legali, il 10% nell’eventualità di danni causati dagli animali domestici. Il Direttore Marketing Marco Brachini di Sara Assicurazioni dichiara: La nostra ricerca ha confermato che, con una polizza assicurativa, è possibile proteggere in modo efficace la propria casa non solo dal furto, ma anche da molteplici rischi, tra cui i danni provocati ai vicini e ai loro beni, che, oltre a essere fonte di diverse problematiche, possono richiedere un esborso economico anche notevole.”

29/07/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

20 SET 2021

MONDO DELLA NOTTE: VERSO LA RIAPERTURA?

Sperano discoteche e locali notturni

20 SET 2021

GREEN PASS: ORA IL GOVERNO SOSPENDA RDC E...

La richiesta del Codacons all'esecutivo nazionale

18 SET 2021

CGIA MESTRE: RDC OK PER LA POVERTA’, INEFFICACE PER L’OCCUPAZIONE

L’Associazione di Mestre, evidenzia che il sostegno economico è utile per contrastare la povertà, inefficace per trovare nuovi posti di lavoro.

18 SET 2021

AUMENTO DELL'INFLAZIONE OLTRE IL DUE PER CENTO

Aumento "lieve" dovuto ai rincari dei beni energetici

17 SET 2021

UE: ENTRO FINE ANNO IL PIL TORNERA’ AI LIVELLI PRE-COVID

La ripresa economica, grazie ai vaccini, ha superato le aspettative, risultando decisamente maggiore di quanto previsto a marzo e a giugno.

17 SET 2021

UFFICIALE: GREEN PASS OBBLIGATORIO PER PA E PRIVATO

I lavoratori sprovvisti del certificato verde, saranno sospesi senza ricevere retribuzione, ma non licenziati.