Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

ACQUISTARE USATO PER RISPARMIARE

Immagine dell'articolo

Negli ambienti imprenditoriali, c'è spesso un malinteso che impedisce alle aziende di acquistare beni da privati, presumibilmente a causa dell'incapacità di emettere una fattura. Ma niente potrebbe essere più falso! Le imprese, i professionisti e gli artigiani possono risparmiare considerevolmente acquistando beni usati da soggetti privati, senza compromettere la loro capacità di detrarre o dedurre spese.

Molte persone si chiedono chi possa vendere beni che potrebbero essere utilizzati anche in contesti aziendali. Immaginate una scrivania, una libreria o scaffalature da garage che potrebbero trovare nuova vita in un laboratorio. Molti oggetti comuni, come condizionatori portatili, piccoli frigoriferi o lampade, possono essere acquistati da privati e sfruttati in ambito professionale.

Un equivoco comune è associare l'assenza di fattura alla mancanza di possibilità di detrarre le spese. Tuttavia, ciò non è vero. L'importante è che l'acquisto sia documentato in modo certo e dimostrabile. Nel caso di acquisti da privati, una dichiarazione equipollente a una fattura può essere redatta. Questa dichiarazione deve contenere le informazioni complete del venditore, il codice fiscale, la descrizione del bene, il prezzo di cessione e i dati fiscali dell'acquirente.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non è obbligatorio avere una fattura per poter "scaricare" le spese. L'importante è seguire le normative vigenti, e una dichiarazione valida può sostituire la mancanza di una fattura.

Va notato che, se l'importo supera € 77,47, è necessario applicare una marca da bollo al documento. Questo piccolo costo è una formalità che non dovrebbe scoraggiare le imprese dal risparmiare attraverso l'acquisto di beni usati.

Quanto alle tasse, la vendita occasionale di un bene da parte di un privato è esente da imposte. Gli imprenditori non devono preoccuparsi di essere chiamati dall'Agenzia delle Entrate per tali transazioni occasionali.

Per quanto riguarda l'IVA, se questa non è applicata all'acquisto da parte del privato, l'imprenditore non può detrarla. Tuttavia, il bene può essere dedotto o messo in ammortamento secondo le leggi e i regolamenti fiscali in vigore.

In conclusione, sfatiamo il mito che l'acquisto da privati sia problematico per le aziende. Acquistare beni usati è un modo intelligente per risparmiare, purché si rispettino le regole e le leggi in vigore. Rivolgersi al commercialista è sempre consigliato per garantire la corretta gestione fiscale di tali transazioni.

16/11/2023

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

19 APR 2024

SUPERBONUS E TRANSIZIONE 4.0

Una Sfida Economica per l'Italia

19 APR 2024

CONGEDO PARENTALE PAGATO

Le Nuove Normative Introdotte dall'INPS

18 APR 2024

LA CORSA ALL'AI: L'ITALIA ALLA RICERCA DI ESPERTI

Bando Aperto fino al 31 Maggio

18 APR 2024

IL FUTURO DEL MERCATO UNICO EUROPEO: ENRICO LETTA PROPONE UNA "CASSETTA DEGLI ATTREZZI"

Nel secondo giorno dei lavori del Consiglio dell'Unione Europea a Bruxelles

17 APR 2024

FERRARI: RECORD DI SUCCESSI E NUOVE PROSPETTIVE

Il Marchio Ferrari ha confermato per il 2023 il suo status di icona nel mondo dell'automobilismo e del lusso

17 APR 2024

ANTITRUST: RESTITUITI 122 MILIONI A 600MILA CONSUMATORI

Favorire uno sviluppo economico basato sulla competitività e sull'equità