Navigazione contenuti

Contenuti del sito

SBAGLIATO AVERE UN SOLO CONTO CORRENTE

Immagine dell'articolo

Seppur in questo periodo storico è piuttosto raro possedere più di centomila euro sul conto corrente, è importante sapere che tenerli su un unico conto è molto rischioso.


Chissà in quanti sono a conoscenza che, nel caso in cui la propria banca o le Poste italiane dovessero fallire, il Fondo Bancario per le prime e l’Istituto di Cassa Deposito e Prestiti per le seconde, garantiscono i soldi sul conto, sino ad un massimo di 100 mila euro. Ciò significa che i restanti soldi che superano questa cifra, purtroppo verrebbero sottratti dalla banca per aumentare il proprio capitale.

Questa modalità di risoluzione di una crisi viene definita “salvataggio interno”. In pratica, coloro che hanno affidato i propri soldi ad una banca, indirettamente hanno investito nella stessa, la quale in caso di fallimento può utilizzare le somme in eccedenza per ricapitalizzare le proprie risorse.

Per evitare di incorrere in questo pericolo, la soluzione migliore sarebbe quella di aprire un altro conto corrente nella stessa banca o in un’altra di propria fiducia, così che il Fondo interbancario possa continuare a tutelare il cliente.

 

 

14/11/2020

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

03 DIC 2020

COMMISSIONE BILANCIO NO ALLA PATRIMONIALE DI FRATOIANNI

Fratoianni e Orfini presenteranno immediatamente ricorso

03 DIC 2020

FINGET CUBE, L'ANTISTRESS DEL SECOLO

Una giovane statup parte da 15 mila dollari e raccoglie quasi 6 milioni di dollari per il suo progetto

03 DIC 2020

ENERGIA: RIMBORSARE LE IMPRESE!

Le Associazioni a sostegno del recupero dei crediti da parte delle imprese sui fornitori

03 DIC 2020

AGRICOLTURA, SONO 200MILA LE DONNE IN CAMPO

Contributo fondamentale durante la pandemia

02 DIC 2020

RISTORI QUATER: BOLLINATO E FIRMATO DAL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Il decreto è in attesa di essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

02 DIC 2020

CARNE SUINA: LA VIA D'USCITA E' QUELLA DELLA SETA

La Cia invita a valutare l'export in Oriente