Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA SOTTO SCACCO PER LA CARENZA DI GOMMA

Immagine dell'articolo

Il 2020-2021 si sta trasformando in un biennio nero per l’industria globale dell’auto. Dapprima la crisi del Covid e il blocco sostanziale del mercato globale del settore hanno paralizzato il business delle case produttrici, poi dopo lo shock dell’inizio della pandemia la ripresa del settore è stata disaggregata tra le aree del mondo, come la Cina, a più rapido tasso di ripresa e quelle, come l’Europa, maggiormente stagnanti.

Come se non bastasse, il 2021 è iniziato con la crisi legata alla carenza di chip per il mercato dei semiconduttori, caratterizzato da un eccesso di domanda rispetto all’offerta, e sta proseguendo con la carenza della gomma naturale, materiale chiave usato nei pneumatici e nei componenti sotto il cofano.

L’impatto di un fungo, il Pastalotiopsis, sulle piantagioni dello Sri Lanka e del resto del Sud-Est dell’Asia ha colpito poi la capacità delle aree più produttive del mercato della gomma di fornire i settori che da essa sono maggiormente dipendenti, e l’industria dell’auto ha nuovamente sofferto duramente le incertezze del mercato. E i prezzi sono in volo, come dimostrato dall’incertezza finanziaria attorno al mercato della gomma: il 26 febbraio scorso, le quotazioni dei future hanno raggiunto il massimo degli ultimi quattro anni, arrivando a 2.600 dollari la tonnellata, per poi calare gradualmente, pur in un clima di forte volatilità.

In questo contesto, si riaprono le riflessioni sulla sostenibilità delle grandi catene del valore globali dopo la pandemia, in una fase segnata non solo da una grande incertezza ma anche da “cigni neri” quali il blocco del Canale di Suez che hanno mostrato la fragilità di un’eccessiva delocalizzazione. L’industria dell’auto ha a lungo beneficiato dello sdoganamento della globalizzazione, ma ora il Covid ha rafforzato le tesi di chi sosteneva l’utilità del reshoring nei Paesi di origine delle aziende multinazionali della quota più critica e strategica della catena del valore di ogni bene.

23/04/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

07 MAG 2021

PROGETTO DI FORESTAZIONE URBANA

Un esempio di un' amministrazione urbana che punta sul green

07 MAG 2021

UE: STANZIA 140 MILIONI PER RICERCA E TERAPIE ANTICOVID

L’obiettivo è di individuare nuovi trattamenti per limitare gli effetti provocati dal contagio da Covid

07 MAG 2021

CASSETTO DIGITALE: 1 MILIONE DI IMPRESE

Tetto raggiunto

07 MAG 2021

ASSOTURISMO AL GOVERNO: "PRIORITA' AI VACCINI"

Questa l'indicazione del comparto all'Esecutivo

06 MAG 2021

SALVATORE FERRAGAMO: RISPONDE ALL’INIZIATIVA DI COORDOWN

L’azienda di moda è la prima in Italia ad assumere persone affette da Trisomia 21, tramite la piattaforma hiringchain.org, l’organizzazione che si occupa, tra le tante cose, della loro inclusione nel mondo del lavoro.

06 MAG 2021

TUTTI PAZZI PER LE SNEAKERS DI LIDL

Il marchio tedesco della famosa catena di supermercati, ha comunicato che il 10 maggio torneranno in vendita, in edizione limitata, le famose scarpe gialle, rosse e blu.